L’autrice siciliana e greca di adozione ha pubblicato la raccolta con Chipiùneart Edizioni, quarantatre poesia attraverso le quali riprende ed espenre le tematiche già affrontata nelle precedenti opere.

L’autrice siciliana di nascita e greca di adozione Angela Argentino torna in libreria con la silloge“Come una partitura”, pubblicata con Chipiùneart Edizioni.
Nella presente raccolta, composta da un totale di quarantatre poesie, la poetessa e scrittrice riprende ed espande le tematiche già affrontate nelle sue precedenti opere, pubblicate in unico volume sempre da ChiPiùNeArt Edizioni, Semi di lontananza e L’amore di ottobre.
Come si evince dai titoli, entrambe le sillogi, sia pure da diverse angolature, parlavano del tempo che passa, dell’autunno dorato di frutti tardivi e di assenze, di vuoti e di pieni, del dolore della perdita e del suo tradursi in dolcezza attraverso la contemplazione e la poesia.
A distanza di un lustro – cinque anni impegnativi sia su un piano personale che collettivo – tali argomenti tornano a incarnarsi in versi di non minore intensità, però distillati, depurati dalle scorie di un’emotività ammansita dal tempo e resi più incisivi e cristallini da una sempre maggiore padronanza del mezzo espressivo.
La raccolta si articola in tre sezioni pressappoco della stessa consistenza – L’amara verità, Come imposta alla finestra, Un vivere lasciato fuori –  in cui troviamo materiali e luoghi cari all’autrice: l’amore carnale e quello familiare, il colloquio con i defunti e, soprattutto, i tanti volti di un Mediterraneo osservato “da questa e dall’altra parte del mare” ma sempre vivo, mai oleografico né consolatorio.

Sia che parli degli affetti e di come il tempo li modelli, sia che descriva il rapporto con la natura o con il mito di cui la terra d’origine e quella d’elezione sono permeate, si tratta, per concludere, di una raccolta iconica, sapida e sensuale, di un viaggio sensoriale tra le pieghe di un animo in cui le emozioni e i pensieri si traducono in forme plastiche e, soprattutto, in suono, in luce, in odore.
Ho scritto questa sillogeha dichiarato l’autriceper fare liberare un altro capitolo della mia vita, una specie di bilancio, un bisogno di guardare, scrivendolo in poesia, il mio percorso di donna che vive realtà parallele, divisa tra paesi diversi, sempre confrontandomi con la mia capacità o incapacità della giusta risposta alle situazioni, alle epoche che cambiano velocemente, al rapporto sempre più difficile tra le generazioni”.
Ad apertura e a chiusura della silloge, infatti, due poesie dove, con chiaro riferimento alla Grecia, la poetessa, ‘’farfalla diventata lumaca’’, con lo sguardo aperto sulla consapevolezza del tanto perduto, vuole salvare qualcosa dal naufragio della vita. 

Angela Argentino è nata a Noto, in Sicilia. Si è laureata in Lingue e letterature Straniere all’Università di Roma e si è diplomata in Biblioteconomia presso la Biblioteca Apostolica Vaticana. Cosmopolita, poliglotta,curiosa, (così si definisce), vive da molti anni in Grecia. Sebbene abbia cominciato a scrivere da bambina, ha iniziato a pubblicare le sue opere solo in tarda età. Molte sue poesie e racconti sono risultati vincitori di vari concorsi e sono presenti in varie antologie. Ditemi! è la sua prima silloge, pubblicata in self nel 2012. Un libro d’arte di 40 poesie “interpretate” anche da suoi dipinti e foto artistiche. Con la casa editrice Chipiuneart di Roma pubblica nel 2017 la raccolta di racconti Da questa parte del mare e nel 2018 due sillogi riunite in unico volume L’amore di ottobre e Semi di lontananza. Oltre che di prosa e di poesia, l’autrice si occupa anche di pittura e ha al suo attivo diverse mostre in Italia e in Grecia.
Angela Argentino
Come una partitura

Casa editrice Chipiùneart edizioni Srls Roma 
Collana '' Pervinca''
Uscita primavera 2023
Costo 13 euro
Pagine 78