Lo scrittore aretino, dopo il successo del romanzo d’esordio “La patria di Itzurza” esce con il secondo lavoro  pubblicato con Chance Edizioni, per la collana ScritturaSpontanea.

Dopo il successo del romanzo d’esordio “La patria di Itzurza, lo scrittore aretino Alessio Vagaggini torna in libreria con“La Receptionist – 26 ore per danzare nel tempo”, pubblicato sempre con Chance Edizioni, per la collana ScritturaSpontanea.
 Nelle sue pagine specchi di anime, i cui volti risultano familiari, tracciano il cammino di una giovane donna.
Ana de Saint Juic inizia a lavorare come receptionist notturna in una rinomata struttura alberghiera di Alicante quando improvvisamente viene trasportata in un vortice fuori dal tempo e dallo spazio.
Tre città e altrettanti sogni si rincorrono in 26 ore durante le quali la vita prende sembianze sempre più autentiche e profonde.
Incontreremo Montse, Cemre e Clara che, come onde, si avvicineranno e si allontaneranno dalla protagonista facendola danzare in una dimensione indefinita, fra realtà e immaginazione.

Lo definirei sia un romanzo esistenzialista, perché a dettare le scelte degli esseri umani sono i singoli individui e non le idee che li sovrastano (il lavoro, il successo, la politica), sia un omaggio alla filosofia buddhista, la cui capacità di ‘risvegliare’ la nostra parte più equilibrata e saggia è una medicina eccellente in un modo che spesso corre troppo veloce dietro all’effimero – ha dichiarato l’autore – Mettere al centro le figure femminili vuol essere un chiaro riferimento al mio romanzo d’esordio, come a voler tracciare un fil rouge che leghi le vicende da un punto di vista strutturale. In questo romanzo il contesto principale è sempre la Spagna, ma la cui dimensione si allunga fino alla moderna Costantinopoli, Istanbul, e dall’altro lato solca l’Atlantico per giungere sino a New York per poi perdersi di nuovo nel calore dell’Andalusia”.

Alessio, già con La patria di Itzurza, ci aveva permesso di valorizzare quelli che per noi sono punti fondamentali della vita e della scrittura. Con lui è stato spontaneo creare un percorso di fiducia basato sul confronto e sulla crescitaha commentato l’editoreNe La Receptionist emerge in maniera cristallina qualcosa che ho interpretato come romanticismo, maturità: una piega poetica che traccia una profonda apertura nella concretezza e nella materialità, spingendo chi legge a seguire gli stimoli senza l’uso esclusivo della ragione, affidandosi ad altri sensi”.
La Receptionist” narra di una danza onirica che trasporta tanto lontano quanto nel profondo di ciascuno di noi e i personaggi di questa storia divengono dei punti di riferimento da seguire e ai quali affidarsi per indagare sé stessi.

Alessio Vagaggini è nato il 25 Dicembre 1991 ad Arezzo. Nomade per indole, ha vissuto tra Italia, Belgio e Spagna, occupandosi di progetti ed istituzioni europee, senza mai tralasciare la passione per la letteratura. Ha lavorato nelle risorse umane del Parlamento Europeo, a Bruxelles, gestisce attualmente i progetti europei della società USMA Padova ed è Docente di “Laboratorio di Europrogettazione” presso l’Università degli Studi di Padova. Con Chance Edizioni ha pubblicato “La Patria di Itzurza”, Roma, 2021.
Autore: Alessio Vagaggini
Titolo: La Receptionist – 26 ore per danzare nel tempo
Data di uscita: 29 novembre 2022
Casa Editrice: Chance Edizioni
Collana: ScritturaSpontanea
Pagine: 228
Costo: € 15,00
ISBN: 978-88-32238-30-3
https://shop-lachanceria.myshopify.com/products/la-receptionist